E’ ANCORA UN’ABRUZZESE AD ALZARE AL CIELO IL TROFEO “N. CLETI”

E’ ANCORA UN’ABRUZZESE AD  ALZARE AL CIELO IL TROFEO “N. CLETI”

30 giugno 2014…ed eccoci alla serata conclusiva della più importante e prestigiosa manifestazione calcistica giovanile del territorio, riservata alla Categoria Esordienti a 11, al termine della quale verrà proclamata la compagine che alzerà l’ambito trofeo, succedendo, nell’albo d’oro, al Cologna Calcio.

La “finalina” 3° e 4° posto vede in scena un derby tutto anconetano, tra i gialloblu del Villa Musone e i rossi della Fortitudo Fabriano.

Il match si presenta fin da subito emozionante e con continui capovolgimenti di fronte, tra due formazioni che si equivalgono; al gol da fuori area del numero 8 Prosperi che batte il “portierino” Strinati, risponde con una doppietta, l’ormai noto Di Cato, dapprima con una pregevole volata dalla sinistra in contropiede, poi con un elegante pallonetto che lascia letteralmente a bocca aperta tutti i presenti.

Immediata la risposta del Villa Musone che, nel secondo tempo, con un pallonetto,  pareggia i conti con il numero 7 Ragaini raggiunto poi, nel corso del terzo parziale, dal fabrianese Corvo che, con un tiro di potenza, ristabilisce la parità.

L’occasionissima si presenta sui piedi del solito Di Cato che parte in velocità ma, sulla sua strada, trova l’estremo difensore avversario, bravissimo a stoppare l’azione.

Ad aggiudicarsi il terzo posto della manifestazione, è il Villa Musone che, ai calci di rigore ad oltranza, si impone per 12 reti a 11.

A seguire, di fronte ad un pubblico delle grandi occasioni, scendono in campo, per contendersi l’ambito titolo di “regina” della manifestazione, i verdi fluorescenti del Poggio degli Ulivi e i rossoblu della Vigorina Senigallia; per la terza volta, nelle ultime quattro edizioni, è dunque un’abruzzese ad arrivare in finale.

Si assiste ad una gara molto equilibrata, con qualche occasione in più per gli abruzzesi che sbloccano subito il risultato  con il numero 7 Ulisse e raddoppiano, nel secondo tempo, con Paolilli su calcio di punizione a due in area.

Per la Vigorina Senigallia da sottolineare lo sfortunato palo colpito dal numero 10 Belardinelli, sempre presente e “graffiante” in ogni gara.

Al termine dei 60 minuti di gioco e per il secondo anno consecutivo, ad alzare al cielo la coppa della 29^ edizione del Torneo Cleti, è ancora una volta una compagine abruzzese, premiata dal talento maceratese Federico Melchiorri, trascinatore della Maceratese due anni fa, attualmente in forza al Padova dove si è distinto anche grazie alla sua umiltà e serietà, caratteristiche fondamentali per fare di un bravo giocatore anche un vero uomo.

E con l’occasione vorrei semplicemente rivolgermi a tutti i ragazzi affinché vedano nel calcio, ma nello sport in generale, un motivo di crescita personale, di divertimento e aggregazione, di sana competizione e mai di violenza.

Alessandra Gentilucci

Share

POGGIO DEGLI ULIVI VINCE IL 29° TORNEO CLETI

1° classif.Torneo Cleti per il 2° anno di fila è abruzzese. Poggio degli Ulivi si conferma la più forte e supera 2-0 Vigorina Senigallia davanti a quasi 800 persone! Ospite bomber Federico Melchiorri conteso sul mercato.

Tre trionfi in quattro anni e due consecutivi, se tre indizi fanno una prova, da lunedì sera si deve ammettere che il calcio abruzzese a livello Esordienti è forse migliore di quello marchigiano. Sono i baby del Poggio degli Ulivi, squadra di Città Sant’Angelo provincia di Pescara, i nuovi campioni del torneo più importante dedicato alla categoria. Succedono al Cologna e va detto, mai successo fu più meritato visto che i talenti in verde hanno eliminato dagli ottavi in poi ogni avversario per 5-0 e lunedì in finale hanno sfruttato la maggior prestanza fisica per superare 2-0 (reti di Ulisse e Paolilli) la Vigorina Senigallia, un’altra bella realtà che ha provato a difendere l’onore delle Marche.

Le formazioni. Poggio degli Ulivi: D’Ilario, Fazzini, Paolilli, Innocente, Tottone, Martella, Ulisse, Assogna, Maggiore, Dati, Sciarretta. Entrati: Iacovone, Sichetti, Castagna, Luciani, Grella, Angelozzi, Creati. All. Turilli

Vigorina Senigallia: Cecchini, David, Massacci, Sanviti, Rotondo, Sanfilippo, Baldini, Sabbatini, Clementi, Belardinelli, Girini. Entrati Fiordelmondo, Marchesini, Cascia, Lizietti. All. Ventura.

Arbitro: Pizzichini di Macerata

( foto 30 giugno 2014 p.ulivi-vigorina )

E’ stata una splendida serata di commiato per la 29° edizione della kermesse giovanile della Vis Macerata. Nonostante l’assenza di club della zona, le gare in tv dei mondiali e la serata non pre-festiva, lo Stadio della Vittoria presentava il pienone con oltre 700 spettatori tra tribuna, gradinata e parco, cifra che nessun altro torneo di categorie superiori ha avuto. Fascino del Cleti e bravura degli organizzatori, su tutti Marcello Temperi e la segretaria Miranda Marconi.  ( FOTO PREMIAZIONE )

Dopo l’omaggio floreale (con composizione biancoceleste) alla signora Marisa Perroni madre di Nando Cleti, la premiazione ha visto protagonista assoluto l’ospite d’onore l’attaccante del Padova Federico Melchiorri, il talento più fulgido espresso da Macerata negli ultimi tempi. Alla premiazione sono intervenuti, tra gli altri, il segretario regionale della Figc Angelo Castellana, l’assessore allo Sport di Macerata Alferio Canesin e la presidentessa dell’Avis Comunale –partner della Vis- Elisabetta Marcolini.

La finalina per il 3° posto, divertentissima, ha visto Villa Musone prendere il podio beffando ad oltranza ai calci di rigore la Fortitudo Fabriano. La gara era terminata 3-3 impreziosita da due bellissime reti del talento fabrianese Michele Di Cato seguito sugli spalti da osservatori dell’Atalanta e del Siena. ( foto Villa Musone-Fortitudo Fabriano )

Share

Gli organizzatori, stanchi, si regalano un meritato spuntino

IMG-20140628-WA0000IMG-20140628-WA0001

 

Gli organizzatori, stanchi, si regalano un meritato spuntino.

Share

Vigorina Senigallia-Poggio degli Ulivi la finale della 29° edizione

melchiorriPer il secondo anno consecutivo dopo il Cologna trionfatore ci sarà una formazione d’Abruzzo a contendere alle Marche la conquista del qualificato torneo di calcio categoria Esordienti “Nando Cleti”. Sarà infatti Vigorina Senigallia-Poggio degli Ulivi la finale della 29° edizione lunedì allo Stadio della Vittoria di Macerata, casa della Vis società organizzatrice.

La serata sarà un piccolo galà che, al termine del match per il trofeo, vedrà la premiazione alla presenza dei vertici federali e delle istituzioni calcistiche. Non solo, come apprezzato regalo il Cleti avrà anche quest’anno un ospite speciale: l’attaccante maceratese Federico Melchiorri. Trascinatore della squadra della sua città due anni fa, ha concluso con 6 reti in 31 presenze una stagione di serie B con la maglia del Padova (già vantava il debutto in A nel 2006 col Siena) e sembra sia seguito da Parma e Cagliari grazie alle quali coronerebbe il sogno di tornare, ora più maturo, in serie A.

Gli abruzzesi del Poggio degli Ulivi di Città Sant’Angelo venerdì in semifinale hanno nuovamente impressionato rifilando un sonoro 5-0 –terzo di fila!- alla tosta Fortitudo Fabriano. Non c’è stata gara, a bersaglio Assogna, Sciarretta, due volte Paolilli e cinquina di Maggiore. Continua a leggere

Share

APPRODANO ALLA FINALISSIMA POGGIO DEGLI ULIVI E VIGORINA SENIGALLIA

27 giugno 2014…allo Stadio della Vittoria di Macerata vanno in scena le semifinali dell’ormai noto Torneo “N. Cleti”; per la prima partita in programma scendono in campo i verdi fluorescenti del Poggio degli Ulivi e i rossi della Fortitudo Fabriano, con a seguito un pullman di tifosi che animano e colorano la tribuna con striscioni, sciarpe e bandiere rossoblu.  foto Poggio degli Ulivi –  Fortitudo Fabriano )  foto Vigor Senigallia – Villa Musone ) 

Simpatica “uscita” pre gara del portierino con la crestina Riccardo Strinati che ammette di ispirarsi al grande Gigi Buffon.

Alla domanda “ti hanno mai detto che somigli a Mattia Perin anche esteticamente?” il portiere abruzzese Federico D’Ilario risponde “si, me lo dicono tutti ma a me piace molto di più Scuffet” e alla domanda “cosa prevedi per questo match” commenta simpaticamente “ ma si dai che la vinciamo”. Continua a leggere

Share